GlobConsult.it

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Notice
  • Direttiva e-privacy

    Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza degli utenti.

    Leggi di piu'

E-mail Stampa PDF

sistri

SISTRI -  Esenzione per imprese fino a 10 dipendenti - Proroga contributo annuale al 30 giugno 2014.

Firmato il Decreto Ministeriale n. 126 del 24 aprile 2014.


In breve le principali novità.
 
Versamento del contributo SISTRI
Slittamento del termine per il pagamento del contributo SISTRI al 30 giugno 2014.
 
Restano inclusi nell'obbligo di iscrizione al SISTRI  i seguenti soggetti:

a) gli enti e le imprese produttori iniziali di Rifiuti Speciali Pericolosi da attività agricole ed agroindustriali con più di dieci dipendenti. Esclusi, indipendentemente dal numero dei dipendenti,  i “piccoli imprenditori agricoli” (articolo 2135 del codice civile) che conferiscono i propri rifiuti nell’ambito di circuiti organizzati di raccolta (ex art. 183,c.1, l. pp) del D.Lgs. 152/2006;

b) gli enti e le imprese con più di dieci dipendenti Produttori Iniziali di Rifiuti Speciali Pericolosi provenienti da attività di demolizione, da lavorazioni industriali e artigianali, da attività commerciali, di servizio e sanitarie;

c) gli enti e le imprese produttori iniziali di Rifiuti Speciali Pericolosi che effettuano attività di stoccaggio ex art. 183, c. 1, l. aa) del D.Lgs. 152/2006 (R13/D15);

d) gli enti e le imprese che effettuano la raccolta, il trasporto, il recupero, lo smaltimento dei Rifiuti Urbani nella Regione Campania.

e) gli enti e le imprese produttori iniziali di Rifiuti Speciali Pericolosi da attività di pesca professionale e acquacultura.

Per gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi che non saranno obbligati ad aderire al SISTRI ovvero che non vi aderiranno volontariamente, resteranno fermi gli adempimenti e gli obblighi relativi alla tenuta dei registri di carico e scarico e del formulario di identificazione di cui agli articoli 190 e 193 del  D.lgs.  n. 152 del 2006 e successive modificazioni ed integrazioni.
 
Ulteriori chiarimenti
-Deposito di rifiuti nell’ambito di attività intermodale di carico e scarico, di trasbordo, e di soste tecniche all’interno di porti, scali ferroviari, interporti, impianti di terminalizzazione e scali merci;
Il termine massimo di durata del deposito preliminare nell’ambito del trasporto intermodale, passa dai 45 a 30 giorni.
-Attribuzione delle Responsabilità per i casi di cui sopra e modalità operative nella gestione delle diverse fasi, restano fermi gli obblighi e gli adempimenti del trasportatore, dell'intermediario nonchè degli altri soggetti ad esso equiparati, riguardo alla compilazione ed alla sottoscrizione delle schede SISTRI di rispettiva competenza

[Angelo Rapetto]
Tutte le NEWS
You are here: Home