GlobConsult.it

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Notice
  • Direttiva e-privacy

    Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza degli utenti.

    Leggi di piu'

albo3 rid sfuAlbo Gestori Ambientali e concessioni governative

Parere dell’Agenzia delle Entrate del 22 settembre 2014 relativo alle ipotesi di applicazione della tassa di concessione governativa per le iscrizioni all’Albo.

Il 22 settembre l’Agenzia delle Entrate, in risposta ad una richiesta di Unioncamere, ha fornito il suo parere in merito alla corretta applicazione della tassa sulle concessioni governative (di cui alla tariffa allegata al D.P.R. 641/1972) per le iscrizioni delle imprese all’Albo nazionale gestori ambientali.
Quello che salta subito all'occhio da una prima lettura è che in caso di revisione dell'iscrizione per più categorie contenporaneamente, l'Agenzia ritiene dovuta la concessione per ogni categoria Albo rinnovata.
Inoltre anche l'aumento di classe dimensionale o la richiesta di nuovi servizi comporterà la nececessità di versare la tassa di concessione governativa.

231 1 rid sfu

Deposito Temporaneo di rifiuti pericolosi - Novità nei controlli

A seguito di recenti controlli effettuati da parte dell’ARPAL si segnala la sanzione comminata per la mancanza, nel deposito temporaneo di rifiuti speciali pericolosi, della cartellonistica con l'indicazione delle frasi di pericolo e dei pittogrammi  che contraddistinguono le sostanze pericolose.

 

L'utilizzo della cartellonistica applicata alle sostanze pericolose non è usuale nel mondo rifiuti, tuttavia si consiglia alle aziende di adempiere all'onere di apporre sui rifiuti pericolosi, detenuti nel deposito temporaneo, cartelli che indichino il CER, la descrizione del rifiuto, le frasi di rischio e i relativi pittogrammi.
Questo adempimento potrà evitare possibili contestazioni e sanzioni da parte degli organi di controllo. Si spera che venga presto modificato l’art. 183 al c.1, lett bb) del D. Lgs. 152/2006 in quanto sembrerebbe un refuso che contiene una definizione quantomeno poco opportuna quando rapportata al modo dei rifiuti.

Per la nostra clientela sarà diponibile a breve un manuale che servirà da traccia e  supporto.

Nostri servizi Albo
Tutte le NEWS

albo3 rid sfuInserimento di nuovi mezzi all’Albo Gestori Ambientali e utilizzo immediato.

Con l’adozione del nuovo Regolamento dell’Albo Gestori Ambientali, entrato in vigore il giorno 7/09/2014, in caso di nuovo inserimento di mezzi e nell'attesa del relativo provvedimento di variazione, l'accettazione della dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà è valida per un periodo massimo di 60 giorni a decorrere dalla data di presentazione della dichiarazione stessa, o inferiore nei casi in cui il termine di disponibilità del veicolo sia inferiore a 60 giorni.

Tale scadenza viene riportata sull’accettazione della dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà che rilasciano le sezioni regionali.

Dopo tale termine la validità dell’utilizzo immediato decade e con esso la possibilità di utilizzare il mezzo per trasporto dei rifiuti.

E’ quindi fondamentale verificare se e quando viene deliberata l’iscrizione e occorre quindi provvedere entro i 60 giorni a ritirare la relativa deliberazione in originale.

Nostri servizi Albo
Tutte le NEWS

albo2 sfu

SISTRI -  Slittamento sanzioni a fine 2015

Cosa fare con i mezzi iscritti in categoria 5 dell'Albo Gestori Ambientali?

In attesa che venga approvato lo slittamento a dicembre 2015 delle sanzioni relative agli adempimenti SISTRI consigliamo quanto segue.
 

Imprese iscritte all’Albo Gestori Ambientali in categoria 5 (raccolta e trasporto di rifiuti speciali pericolosi)

Nell’ipotesi che non dovessero slittare anche le sanzioni sul tardivo pagamento del diritto annuale SISTRI, cosa che si saprà come sempre a ridosso della scadenza, preme ricordare che il diritto annuale viene calcolato anche sul numero di mezzi iscritti.
Può essere quindi opportuno valutare quali e quanti mezzi vengono realmente utilizzati per svolgere lo specifico tipo di attività e provvedere, ove ciò fosse possibile, a ridurre il parco veicolare autorizzato.
L’occasione può essere sfruttata per fare riordino e attuare una concreta razionalizzazione all’interno delle proprie autorizzazioni.

[Angelo Rapetto]

Tutte le NEWS

Pagina 10 di 50

You are here: Home